Posts tagged "Turismo"

Al via l’incontro internazionale”Accessibilità in Viaggio”

14 Novembre 2016 Posted by News, Press Area, Turismo 0 thoughts on “Al via l’incontro internazionale”Accessibilità in Viaggio””
Matera

 

Appuntamento dal 18 al 20 novembre. In Costa Jonica e a Matera si terrà l’ Evento internazionale sul turismo accessibile“. L’iniziativa è organizzata dal Corriere della Sera con la collaborazione del blog Invisibili del Corriere, che ha portato in primo piano i temi dell’ con il giornalista con disabilità Simone Fanti,  e dalla Rete Turismo Italia Jonica, realtà turistico – culturale del Mezzogiorno che integra i territori della costa Jonica di Calabria, Puglia e Basilicata. Tra gli altri organizzatori il Comune di Matera MOREITALY.IT, il portale turistico di valorizzazione territoriale per l’Accessibilità e il Turismo per tutti.

 Matera è una città centrale sul tema della accessibilità: da un lato la città ha conquistato il titolo di capitale europea della cultura per il 2019, un risultato straordinario per la Città dei Sassi, oltre che una opportunità da cogliere per accendere con uno slancio davvero innovativo sul piano culturale il tema della accessibilità per tutti. Non è un caso che si prevede un arrivo di flussi crescenti anche di turisti con  disabilità e Matera si sta preparando ad accoglierli.
 Dall’altro lato, in questi anni molto si è fatto per sensibilizzare operatori, cittadini, pubbliche istituzioni sul tema della accessibilità ed il turismo per tutti, partendo dal Manifesto di Matera redatto nel 2014 nato  nell’evento Zero Barriere-L’accessibilità conviene dove tantissime associazioni che si occupano di disabilità hanno partecipato e dato il proprio contributo di idee.

Travelability. Per una Toscana accessibile

8 Maggio 2016 Posted by Senza categoria 0 thoughts on “Travelability. Per una Toscana accessibile”

Tuscability details

La qualità del turismo nel nostro paese si dovrà valutare sempre di più alle possibilità offerte a disabili e persone anziane di non rinunciare alle opportunità di viaggiare. Di particolare interesse è la nascita in Toscana di Travelability un nuovo servizio pensato per coloro che hanno esigenze di assistenza personalizzata durante un soggiorno in Toscana. Il progetto nasce da un percorso condiviso di tre soggetti che sono Beyond che si è occupato della parte progettuale, il Consorzio Co.Ri per la parte socio-sanitaria e il Tour Operator Cap Viaggi per la parte turistica.

Un progetto che punta ad accrescere l’eccellenza turistica della regione. Travelability, per tutta la durata del soggiorno, farà sì che l’ospite venga seguito da figure altamente qualificate in materia turistica e assistenziale, pronte a prendersene cura in ogni momento della giornata, anche fuori dai circuiti turistici tradizionali.

Travelability, infatti, garantisce assistenti affiancati dalle più accreditate strutture operanti sul territorio, pensato per soddisfare le esigenze di ogni ospite durante ogni momento della vacanza. Sono predisposti dei pacchetti di il cui programma di soggiorno si adatta alle scelte dell’ospite, garantendo la corretta copertura assistenziale su tutte le destinazioni.

Come dice la frase conclusiva del video che campeggia nella home page del sito: “with accessible tourism the beauty of Tuscany is for everyone”.

I tempi sono ormai maturi per accrescere il concetto di turismo accessibile. Se rimane tutt’ora alto il numero di alberghi e strutture che necessitano di interventi di abbattimento delle barriere architettoniche ed accrescere i servizi da aumentare, c’è però una attenzione al tema, che portano ad accrescere le iniziative, soprattutto sul web, che permettono a chi soffre di disabilità di organizzare con facilità i propri spostamenti e viaggi.

Ed il nostro paese deve partire da idee come questa per accrescere la qualità e la competitività del proprio settore turistico.

Lucio Todisco

 

Accessibilità e accoglienza: al via il progetto “Montepulciano sotto le dita”

30 Marzo 2016 Posted by News, Press Area, Turismo 0 thoughts on “Accessibilità e accoglienza: al via il progetto “Montepulciano sotto le dita””

montepulciano sotto le ditaTurismo Accessibile vuol dire, soprattutto, accoglienza. E buone notizie arrivano dalla Toscana, precisamente da Montepulciano. E’ al via, infatti, il progetto “Montepulciano sotto le dita” che ha l’obiettivo di rendere la città più accogliente per chi ha disabilità visive (non vedenti o ipovedenti). “Abbiamo voluto dare un segnale di concreta sensibilità rivolto a chi non può fruire pienamente di quanto di bello e di buono offre il nostro territorio”. Sono queste le parole pronunciate dal sindaco della città, Andrea Rossi.

Il progetto “Montepulciano sotto le dita” che è rivolto agli ospiti italiani con disabilità visive prende inizio dall’androne del Palazzo Comunale, dall’Enoteca del Consorzio del Vino Nobile e dal Museo Civico dove sono state installate schede stampate in codice Braille (e con caratteri di dimensioni adeguate) che illustrano le peculiarità della zona. Il progetto è stato realizzato dal Servizio Turismo dell’Amministrazione Comunale, è in fase di sviluppo e prevede un rapido potenziamento con altri supporti, tattili e sonori”.

I luoghi – Nell’Androne del Palazzo Comunale potrete trovare le schede al bancone dell’accoglienza turistica ed illustrano le caratteristiche di Piazza Grande e della Cattedrale. Nell’Enoteca consortile le informazioni riguardano il Vino Nobile di Montepulciano mentre i numerosi totem diffusi nel Museo consentono di approfondire la conoscenza di opere particolarmente importanti come la Sacra Famiglia del Sodoma, il Ritratto di Gentiluomo di Caravaggio, Sant’Agnese di  Beccafumi, le terracotte invetriate dei Della Robbia ed altri capolavori esposti.

Al Museo Civico, infine, chi si recherà al Museo Civico, infine, potrà anche “sentire” sotto le dita le opere in rilievo,utilizzando gli appositi guanti disponibili gratuitamente all’ingresso. Si potrà così consultare il volume (sempre in Braille e con caratteri di testo di grandezza particolare) sull’archeologia nella Val di Chiana senese con ampie e dettagliate informazioni sul patrimonio storico del territorio.

Un progetto che il Comune conta di implementare nel giro di breve tempo con altri supporti tattili e sonori. Un bellissimo esempio di buona pratica di accessibilità e accoglienza sul nostro territorio che speriamo anche altri Comuni prendano ad esempio.

Lucio Todisco

Promozione del turismo accessibile: convegno a Bruxelles

19 Febbraio 2016 Posted by Senza categoria 0 thoughts on “Promozione del turismo accessibile: convegno a Bruxelles”

bruxellesE’ in programma giovedì 28 gennaio a Bruxelles la conferenza: “”Gestione e promozione del turismo sostenibile e accessibile” che vedrà la presenza dei principali attori del panorama europeo sul tema del turismo accessibile. La conferenza, organizzata dalla Commissione europea vedrà l’intervento del presidente di Europarc Federation Ignace Schops che presenterà la Carta europea per il turismo sostenibile nelle aree protette.

Il turismo nelle aree protette – La Carta (CETS) dal 1993, accompagna le aree protette nella definizione e attuazione di una strategia di turismo sostenibile e riguarda oltre 140 tra parchi e riserve in 17 diversi paesi e sta portando benefici per l’ecosistema e il sistema sociale.
Venti anni dopo la Commissione europea ha lanciato Etis che ha come fine ultimo quello di consolidare il numero di arrivi turistici internazionali nell’UE, cercando di migliorare in modo significativo la sua competitività e sostenibilità, tenendo in considerazione aspetti quali la qualità dei prodotti e dei servizi, la responsabilità sociale e ambientale, le risorse naturali e la diversità del patrimonio culturale e delle identità locali.

Sicuramente, è necessario organizzare e sviluppare un Sistema europeo di indicatori per il turismo e la gestione sostenibile a livello di destinazione, che consenta di misurare e monitorare i processi di gestione della sostenibilità nonché di condividere e mettere a confronto i progressi e i risultati in futuro.
Sono state individuate su base volontaria oltre 200 posti per i test ETIS tra il 2013 e il 2014. Esempi di buone pratiche che riguardano anche l’Italia e saranno condivisi, appunto, in conferenza il prossimo 28 gennaio.

Maggiori info:

 https://etis-jointconference2016.teamwork.fr/. | registrazioni obbligatorie

Lucio Todisco

Centro Studi Fondazione Turismo Accessibile

Casina Pompeiana: una struttura accessibile nel cuore di Napoli

7 Febbraio 2016 Posted by Senza categoria 0 thoughts on “Casina Pompeiana: una struttura accessibile nel cuore di Napoli”

Casina Pompeiana - NapoliLa Casina Pompeiana, alla Riviera di Chiaia, è da poco diventata sede dell’Archivio Storico della Musica Napoletana. Un luogo unico nella Villa Comunale attento anche alla accessibilità

Napoli – Ci avviciniamo al “Maggio dei Monumenti”, un momento centrale per la vita turistica e culturale della città di Napoli. Una città che deve essere aperta a tutti e per tutti e che sta riscoprendo nuovi luoghi attrattivi dal punto di vista turistico, come la Casina Pompeiana. Situata nella Villa Comunale, la struttura, gestita dal Comune di Napoli, da marzo, con un accordo tra Rai, Regione Campania e Comune di Napoli è divenuta la nuova sede dell’archivio storico della Canzone napoletana, il più grande museo virtuale della canzone partenopea. Alla inaugurazione sono stati presenti Francesco Pinto, Direttore del Centro RAI di Napoli, Il Sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, l’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, Gaetano Daniele.

La Casina è un luogo aperto a tutti! Infatti, la Fondazione Turismo Accessibile, da anni attiva sul territorio nazionale per la promozione di attività per l’abbattimento delle barriere architettoniche nelle nostre città, ha verificato che, per chi soffre di disabilità motorie, la struttura è perfettamente accessibile. Ed è proprio per questo motivo che la Fondazione ha iniziato un percorso di collaborazione con il Comune di Napoli, offrendo il suo contributo sinergico all’implementazione tecnologica della struttura ed ha ricevuto, proprio nel giorno dell’inaugurazione i ringraziamenti da parte dell’Assessore Daniele.

La Fondazione augura a tutti un buon viaggio “accessibile” nella musica napoletana all’interno della Casina!

Convegno: “Turismo e Internazionalizzazione delle imprese, leve strategiche ed opportunità di crescita”

22 Maggio 2015 Posted by News 0 thoughts on “Convegno: “Turismo e Internazionalizzazione delle imprese, leve strategiche ed opportunità di crescita””

Schermata 05-2457165 alle 00.26.49

Il 2015 dell'accessibilità: obiettivo sulla formazione

4 Febbraio 2015 Posted by Senza categoria 0 thoughts on “Il 2015 dell'accessibilità: obiettivo sulla formazione”

E’ iniziato da pochi giorni il nuovo anno, ed è questo un momento centrale per programmare i percorsi da realizzare in tema di accessibilità. Un turismo accessibile non può prescindere dalla formazione, e questo può essere realizzato soltanto attra

scuola

verso un dinamico e costante scambio di idee e di feedback tra i diversi operatori del settore e le istituzioni.

I percorsi formativi  rivestono una importante opportunità di investimento nel campo dell’accessibilità e della cultura accessibile; la formazione può svolgere un ruolo strategico implementando innovazione e produzione di contenuti, facilitando l’inclusione sociale in settori occupazionali strategici: dal turismo all’arte, dall’enogastronomia.

Un Paese come il nostro che punta ad essere una eccellenza in campo culturale non può prescindere da proporre una offerta formativa che combini attività didattiche, tutoraggio e percorsi formativi innovativi che diano strumenti e competenze utili a sviluppare anche progetti imprenditoriali autonomi che influiscano positivamente sull’economia.

Il tema dell’autoimprenditorialità deve essere centrale nel corso di questo 2015, poiché può essere un elemento di crescita di attenzione nei riguardi del tema dell’accessibilità ma, soprattutto, attuare quelli stimoli emergenti del contesto economico-culturale attuale potendo quindi migliorare e rafforzare le competenze professionali già in atto. Ed è per questo che, accanto ad una formazione e comprensione del tema dell’accessibilità, bisogna potenziare le capacità degli addetti ai lavori nel campo della digitalizzazione: l’innovazione, la conoscenza delle lingue straniere. la creatività sono gli elementi indispensabili per assicurare forme piene di partecipazione ai percorsi di accoglienza turistica e per conferire degli strumenti più aggiornati ed idonei alle attuali esigenze di coloro che viaggiano.

Lucio Todisco

Nasce “A Ruota Libera” per una Lucca accessibile

31 Luglio 2014 Posted by News, Turismo 0 thoughts on “Nasce “A Ruota Libera” per una Lucca accessibile”

Piazza anfiteatro in notturna a Santa Zita LuccaDopo Firenze, la città di Lucca avvia un percorso per una città accessibile a tutti. Da ieri è possibile trovare in libreria A Ruota Libera, una guida turistica illustra e descrive quelli che sono dei percorsi accessibili in città e che intende accompagnare le persone affette da disabilità motoria in un percorso di scoperta delle meraviglie della città.

Il progetto – Ideato da Gianfranco Conti, direttore generale della Fondazione Cesare Serono, che da anni affronta il tema dell’accessibilità, cercando di dare voce alle esigenze dei disabili nelle sedi istituzionali.  Nel corso della presentazione della guida a palazzo Orsetti, c’erano Gianfranco Conti, l’assessore Ilaria Vietina e la responsabile del progetto della Fondazione Bml Città di Lucca, diventare accessibile, Elizabeth Franchini.

Gianfranco Conti ha spiegato che: “I principali obiettivi del progetto sono la sensibilizzazione tanto delle istituzioni quanto dell’opinione pubblica, la diffusione culturale delle buone pratiche europee e la fornitura degli strumenti necessari alla piena realizzazione dell’individuo, così come recita l’articolo 3 della Costituzione. Purtroppo sullo scenario europeo l’Italia non si annovera fra i Paesi promotori della cultura del turismo accessibile e questo è un grande limite che tutti quanti dovremmo adoperarci per risolvere”.
A Ruota Libera – L’opera nasce dal finanziamento della Fondazione Cesare Serono  e alla collaborazione di quest’ultima con le amministrazioni comunali delle principali città d’arte toscane: dopo Firenze è ora la volta di Lucca e Pisa. Nel caso specifico ad essere coinvolti maggiormente sono stati l’assessorato alle politiche sociali guidato da Ilaria Vietina e l’assessorato alle opere pubbliche, diretto da Francesca Pierotti.
l’Assessore Vetina ha dichiarato: “Vogliamo che Lucca diventi una città per tutti per farlo è necessario studiarne la conformazione e le criticità, sforzarsi di vederla anche dal punto di vista dei disabili, prestare particolare attenzione a quei caratteri che per qualcuno rappresentano degli ostacoli. Lucca è da sempre un polo di attrazione per gli amanti dell’arte e della storia, ma al tempo stesso rischia di trasformarsi in un polo di repusione, scoraggiando a visitarla chi è costretto a servirsi di ausili per la mobilità. Per questo è di fondamentale importanza prevedere dei percorsi liberi ed accessibili a chiunque non voglia rinunciare alle bellezze storiche che le città come la nostra hanno da offrire”.
Venti sono i punti di interesse storico-artistico presenti nel libro pubblicato dalla casa editrice Polaris, che per il progetto A Ruota Libera ha realizzato un’apposita collana dal titolo Itinerari accessibili: istruzioni per l’uso.
Alcune critiche sono state mosse da Massimo Toschi alla Soprintendenza  e alla Curia al tema dell’accessibilità facendo particolare riferimento all’irregolarità della rampa di accesso alla Cattedrale di S. Martino: “Va bene indicare i percorsi accessibili sulla carta, ma questo non è abbastanza: ciò che non viene detto è che molte delle opere realizzate sono totalmente inutili se non addirittura pericolose: la pedana all’ingresso del Duomo, ad esempio, ha una pendenza del 25%, il che non la rende del tutto accessibile ed espone a un costante rischio di ribaltamento chi si serve di ausili per la mobilità.”

Indagine campionaria sul turismo internazionale della Banca d’Italia

10 Luglio 2014 Posted by News, Turismo 0 thoughts on “Indagine campionaria sul turismo internazionale della Banca d’Italia”

dati turismo banca italia

Autism Friendly in Italy. Il progetto Wisteria Blue

3 Maggio 2014 Posted by Senza categoria 0 thoughts on “Autism Friendly in Italy. Il progetto Wisteria Blue”
Wisteria Blue

La Home Page del Portale

“L’impossibile non esiste”. Questa è la frase che potrete vedere nella Home Page del portale Autism friendly in Italy-Wisteria blue il progetto realizzato da due mamme vicentine, Elisabetta Tonini e Chiara Bortolaso. Elisabetta insegna discipline giuridiche ed economiche nelle scuole superiori ed ho due figli: Nicola, di quindici anni, e Luca, di tredici che è autistico e “non verbale.

Wisteria nella traduzione dall’inglese significa glicine ed è simbolo di amicizia, tradizioni, legami e blu, il colore dell’autismo. Il portale intende raccogliere consigli pratici e informazioni  e procedere alla mappatura di tutti i luoghi “autismo friendly” (alberghi, ristoranti, spiagge) che vengono segnalate dalle famiglie con cui le due promotrici spy by phone number sono in contatto.

All’interno del sito troverete una sezione “Percorsi Autism Friendly” dove sono segnalate tutte le iniziative che facilitano e rendono accessibile la vita a chi soffre di autismo. Le due mamme e amiche si rivolgno agli operatori sociali e alle famiglie con ragazzi affetti da autismo e soprattutto agli operatori turistici per aiutarli a capire il mondo dell’autismo ed imparare come migliorare i loro servizi e personalizzarli nei confronti di bisogni speciali ed unici.

Un marchio di qualità – Il portale inoltre intende creare un vero e proprio marchio di qualità da applicare a tutte quelle strutture che si impegnano ad essere “Autismo Friendly” con semplici ma efficaci gesti di accoglienza: da un questionario che possa essere compilato per raccogliere i bisogni specifici del ragazzo prima del suo arrivo in hotel, alla possibilità di ridurre file e tempi di attesa al check-in o al check-out, così come tavoli riservati nella zona da pranzo in posizione tranquilla e vicino a una via di uscita.
Piccoli accorgimenti che, insieme ad altre attenzioni e a una opportuna formazione del personale, possono veramente cambiare la vita delle famiglie e migliorare notevolmente la qualità delle loro vacanze insieme ai loro figli.

Un progetto che vuole diffondere quelle “buone pratiche” che permettano di poter affrontare con serenità le proprie difficoltà e di diffondere un turismo accessibile a tutti.

Lucio Todisco